Restituire VALORE al LAVORO PUBBLICO con investimenti su salari, diritti, formazione e professionalità, pari opportunità di discipline normative del rapporto di lavoro e medesimi incentivi fiscali per i lavoratori pubblici e privati, sottraendo alla legge l’intervento sulla contrattazione nei settori pubblici, per restituire autonomia alla negoziazione sia sui diritti che sulle dinamiche economiche.

Questo l’intervento unitario di Fp Cgil – Cisl Fp – Uil Fpl – Uil Pa che chiedono al Governo di destinare ai rinnovi contrattuali
risorse adeguate per conseguire 4 obiettivi:

1) stabilizzare nel trattamento fondamentale l’elemento perequativo;

2) garantire aumenti superiori a quelli conseguiti nel 16/18, in virtù del fatto che il blocco contrattuale protratto ha determinato un abbassamento medio delle retribuzioni del lavoro pubblico rispetto al lavoro privato, allontanando il nostro Paese dagli andamenti retributivi dei settori pubblici in Europa;

3) garantire risorse per finanziare il nuovo sistema di classificazione e sbloccare tutti i tetti di spesa su salario accessorio, carriere e assunzioni;

4) rimuovere le disparità di ordine legislativo e fiscale che danneggiano il lavoro
pubblico rispetto a quello privato.

 

LETTERA UNITARIA ALLE LAVORATRICI E AI LAVORATORI DEL PUBBLICO IMPIEGO