Un atomo di verità

Aldo Moro e la fine della politica in Italia
di Marco Damilano – Ed. Feltrinelli 2018

DIECI RIGHE

Esistono delle date nella storia di un paese che rimangono scolpite nella memoria personale e collettiva. Una di queste è il nove maggio del 1978, giorno in cui a via Caetani a Roma veniva ritrovato il cadavere di Aldo Moro nel baule della tristemente nota Renault 4 rossa. Le vicende dei cinquantacinque giorni antecedenti il ritrovamento sono l’oggetto del nuovo libro di Marco Damilano, neo direttore de “L’Espresso” ed attento analista delle vicende politiche del nostro Paese. Le dinamiche che si svilupparono a seguito del ricatto messo in atto dalle Brigate Rosse, il ruolo svolto da alcuni politici dell’epoca, ma soprattutto: i mutamenti strutturali della politica ma anche nella struttura stessa della società italiana che si iniziarono a svelare in quei momenti, vengono affrontati dall’autore con uno stile chiaro e forniscono elementi di riflessione su una pagina della storia repubblicana che troppo poco ha detto e su cui troppo si è speculato. Non è solo un testo di storia politica, e nemmeno un saggio, è l’occasione per riflettere sul presente rileggendo accuratamente il nostro passato. Lo stile di scrittura di Damilano permette una lettura scorrevole ed appassionante.

L’ESTRATTO

[ … “Forse il destino dell’uomo non è di realizzare pienamente la giustizia, ma di avere perpetuamente della giustizia fame e sete. Ma è sempre un grande destino.” 

Al di là della politica, dunque, ma non contro la politica, come tradurranno gli anti-politici dei nostri giorni, o senza la politica, come vorrebbero i liberisti, i cantori della globalizzazione, i sostenitori del primato dell’economia, che domineranno la scena dopo la scomparsa della generazione politica uscita dal conflitto mondiale.” … ]

VALUTAZIONE:

♥ ♥ ♥ ♥